Articoli

Le ernie e le protrusioni discali e la Malattia del Filum

La colonna vertebrale è composta da 26 ossa definite vertebre, tra le quali si trova un tessuto fibroso detto disco, che ha la funzione di ammortizzare gli impatti e gli sforzi tra le vertebre e permette alla colonna certa flessibilità e mobilità.

Un’ernia del disco vertebrale in generale consiste nella fuoriuscita del suo contenuto attraverso una fessura nel suo rivestimento.

Una protrusione del disco vertebrale invece è la deformazione del suo contenuto senza fuoriuscita.

Entrambe possono causare sintomi di dolore localizzato, con o senza irradiazione agli arti, contratture, perdita di sensibilità, formicolio, debolezza e perdita di forza. Con il tempo questa sintomatologia si può complicare, implicando disfunzioni o deficit neurologici di tipo motorio o sensitivo.

Le ernie e le protrusioni discali vertebrali si dividono, a seconda del segmento della colonna compromesso, in: cervicali, dorsali e lombari.

In generale, i trattamenti chirurgici specifici prescelti per queste diagnosi sono i seguenti:

  • lombari – la tecnica più utilizzata è la discectomia via semi-emi-laminectomia;
  • dorsali – la transartrectomia;
  • cervicali – la discectomia per via anteriore con innesto o gabbietta inter-somatica.

L’innovativo trattamento di ernie e protrusioni discali mediante il metodo Filum System® (FS®)

L’aumento di pressione tra i dischi vertebrali, a causa della forza di trazione midollare dovuta ad un Filum terminale eccessivamente teso, fa sì che sforzi o carichi inferiori alla norma possano provocare la rottura precoce del contenuto dei dischi intervertebrali. Per questa ragione le protrusioni e le ernie discali vertebrali sono più frequenti nei pazienti con Malattia del Filum/ Sindrome Neuro-cranio-vertebrale (EF/S.NCV).

In generale, nei malati con queste diagnosi associate, il FS® raccomanda di applicare in primo luogo la Sezione del Filum terminale (SFT), con tecnica mini-invasiva esclusiva, per poi osservare il decorso clinico dell’ernia/protrusione discale. Una volta effettuato quest’intervento, solo nel caso di persistenza o peggioramento della sintomatologia, in seguito s’indica l’asportazione chirurgica dell’ernia discale.

Questo protocollo è basato sui risultati positivi del trattamento secondo il FS®, grazie ai quali si è costatato il decorso favorevole dei pazienti, che dopo la liberazione dalla trazione midollare, nella maggior parte dei casi migliorano la clinica delle ernie/protrusioni discali, tanto negli esami di neuro-imaging quanto nella sintomatologia.

Per saperne di più su ernie/protrusioni vertebrali -cervicali, dorsali e lombari- con o senza Malattia del Filum e Sindrome Neuro-cranio-vertebrale, e sul loro trattamento mediante il Filum System®, il sito web dell’ Institut Chiari & Siringomielia & Escoliosis de Barcelona offre tutta l’informazione a proposito:

https://institutchiaribcn.com/it/ernie-protrusioni-discali/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *