Testimonianze

Gladys, dal Perù: nuova vita un anno dopo l’intervento

Gladys Beatriz Quispe Apaza

Data dell’intervento: Ottobre 2016
Data del video: Luglio 2017

Salve! Il mio nome è Gladys Beatriz de Supo, ho 45 anni e sono peruviana. Soffro di Sindrome d’Arnold-Chiari I e di Siringomielia Idiopatica, due malattie prima a me sconosciute. Per trovare un trattamento alla mia patologia ho dovuto consultare molti medici nel mio Paese, i quali non mi hanno dato nessuna soluzione.
I miei sintomi erano bruciore intenso e quotidiano, sensazione di capogiro, stanchezza globale, non potevo firmare documenti perché mi tremava la mano e perdevo forza nel braccio sinistro, ciò nonostante non se ne capiva la causa.

Dunque ho iniziato a cercare informazione via Internet, ed è lì che ho trovato molte testimonianze che mi hanno portata a conoscere l’Institut Chiari de Barcelona. Ho dovuto fare molti sforzi per potervi arrivare e poter essere sottoposta a intervento chirurgico di Sezione del Filum terminale secondo il metodo Filum System®. Il giorno dopo l’intervento ho già iniziato a notare dei miglioramenti, cosa molto soddisfacente per me. Ora, un anno dopo l’intervento, mi sento ancora meglio di allora e posso dire che la mia vita è cambiata definitivamente. Non sento più né i dolori alla testa né i capogiri, non mi stanco più facilmente e posso firmare i documenti agilmente, nonostante la mia mano prima tremasse.

Devo constatare che mi è stata offerta una migliore qualità di vita, e che la patologia è stata arrestata. È davvero deplorevole che il neurochirurgo che ho consultato nel mio paese mi offrisse come soluzione una craniectomia. Non era necessario che me la spiegasse, avevo capito subito che era molto rischiosa, e per questo ho optato per quest’intervento (la Sezione del Filum terminale del Filum System®), che non ha nulla a che fare con la decompressione.

Coraggio a tutti coloro che hanno i miei stessi sintomi e che fanno un sforzo per venire qui a sottoporsi all’intervento. Mi hanno cambiato la vita e lo posso sentire! Grazie!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *